Profilo

Architetto, ricercatore in Restauro Architettonico, svolge la propria attività didattica presso la Facoltà di Architettura della Sapienza Università di Roma, in qualità di titolare degli insegnamenti di Elementi di restauro architettonico (8 CFU) del CdLM in Architettura UE e di Teoria e tecnica per il restauro (6 CFU) del Corso di Laurea magistrale (LM4) in Architettura (Restauro) UE (a.a. 2014-15). In precedenza è stato titolare del Laboratorio di restauro (10 crediti) del CdLM in Architettura UE (a.a. 2013-14) e del corso di Caratteri costruttivi degli edifici storici e problemi di restauro (6 crediti) del medesimo Corso di Laurea (a.a. 2011-13); ha tenuto, inoltre, l’insegnamento di Elementi di Restauro architettonico (4 crediti) del CdLM in Architettura UE (a.a. 2006-08; a.a. 2010-11) e di Materiali e tecniche per il restauro (8 crediti) del Corso di Laurea specialistica in Architettura (Restauro) UE (a.a. 2009-10).
Svolge dal 2006 attività di assistenza e orientamento per gli studenti e i laureandi del corso di Laboratorio di Restauro Architettonico tenuto dal prof. S. A. Curuni e ha svolto la medesima attività in relazione al corso di Restauro e Archeologia tenuto dal prof. A. Varone (2007-08) e dal prof. S. A. Curuni (dal 2009-11).

È relatore e correlatore di tesi di laurea progettuali in Restauro Architettonico per il Corso di Laurea magistrale in Architettura UE, per il Corso di Laurea biennale in Architettura (Restauro) UE e per il Corso triennale in Scienze dell’Architettura e della Città UE. È, inoltre, supervisore e co-supervisore di tesi di dottorato di ricerca in Riqualificazione e Recupero Insediativo presso la Scuola di Dottorato in Scienze dell’Architettura della Sapienza Università di Roma, nonché relatore di tesi di specializzazione in Restauro dei Monumenti svolte presso la Scuola di Specializzazione Beni Architettonici e del Paesaggio del medesimo ateneo.
Precedentemente il prof. Nicola Santopuoli ha svolto la propria attività didattica sempre nel Restauro dei monumenti (settore scientifico disciplinare ICAR 19) ricoprendo docenze a contratto con comunicazioni e conferenze all’interno di cicli di seminari e corsi di aggiornamento e di formazione; accanto allo svolgimento di lezioni, esercitazioni ed esami, si è interessato all’organizzazione di stage e tirocini didattici per gli studenti in Italia e all’estero).

L’attività scientifica è prevalentemente orientata all’approfondimento degli aspetti teorici del restauro, in particolare nell’ambito del rilievo, della diagnostica, delle modalità esecutive e dei criteri per gli interventi conservativi del patrimonio architettonico e archeologico.
L’impegno di ricerca, caratterizzato dalla partecipazione a numerosi convegni e seminari, è stato incentrato in sintesi sui seguenti temi:
a) studio, protezione e restauro del patrimonio architettonico e archeologico; studio e tutela del paesaggio;
b) rilievo, sia tradizionale che con tecnologie avanzate, e diagnostica applicata allo studio delle strutture e dei materiali dei manufatti architettonici, archeologici e artistici;
c) innovazione e trasferimento tecnologico da settori di sviluppo e di ricerca tipici dell’ambito industriale al campo della tutela del patrimonio culturale.
In collaborazione con colleghi esperti nel campo della fisica, dell’ingegneria meccanica e aerospaziale e grazie al coinvolgimento di aziende (Konica Minolta Europe, Leica-geosystems, Bayer Sheet Europe, ABB Ricerche – Milano) ha sviluppato:
a) progettazione e realizzazione di sistemi ‘intelligenti’ mediante leghe a memoria di forma per la protezione e il restauro di pitture murali, mosaici e sculture;
b) applicazione di indagini multispettrali e colorimetriche per il monitoraggio e il controllo dei processi di pulitura e degli interventi di restauro su superfici architettoniche (pitture murali, mosaici, paramenti lapidei e coloriture);
c) applicazione di tecnologie di prototipazione rapida che utilizzano modelli digitali, ottenuti anche attraverso tecniche di rilievo 3D, per realizzare copie in gesso o in materiale sintetico di opere scultoree e per la simulazione degli interventi di restauro;
d) valutazione energetica del patrimonio edilizio esistente, studi sperimentali riguardanti il possibile utilizzo combinato di termografia, scansione laser 3D e Computational Fluid Dynamics (CFD).

Assistant professor of Architectural Restoration (ICAR 19) at Sapienza University of Rome, he has been teaching in the courses of Architectural restoration elements (8 credits), Master’s Degree in Architecture EU (a.a. 2014-15) and Restoration theory and technique (6 credits) Master’s Degree (LM4) in Architecture (Restoration) EU (a.a. 2014-15). Previously he taught Restoration project (10 credits), Master’s Degree in Architecture EU (a.a. 2013-14), Historic buildings constructive characters and restoration problems (6 credits), Master’s Degree in Architecture EU (a.a. 2011-13), Architectural restoration elements (4 credits), Master’s Degree in Architecture EU (a.a. 2006-08; a.a. 2010-11) and Restoration materials and techniques (8 credits), Master’s Degree in Architecture (Restoration) EU (a.a. 2009-10).
Since 2006 he provides assistance and orientation for the students of Restoration project class, taught by prof. S. A. Curuni; he also provided assistance and orientation for the students of Restoration and archeology class, taught by prof. A. Varone (2007-08) and by prof. S. A. Curuni (2009-11).

He is supervisor and advisor of degree design theses in Architectural restoration for Master’s Degree in Architecture EU, for Master’s Degree in Architecture (Restoration) EU and for Bachelor’s Degree in Architecture and City Science EU. Besides, he is supervisor and co-supervisor of PhD theses in Urban Recovery and Regeneration for the PhD School in Architecture Science, Sapienza University of Rome and supervisor of specialization theses in Monuments restoration for the Specialization School in Architectural and Landscape Heritage in the same University.
Previously Nicola Santopuoli worked in the same field (scientific-didactic sector: ICAR 19 – Restoration), carrying teachings on contract and presenting oral communications as part of seminars and training courses; next to lessons and final examinations, he organized national and international didactic stages for students.

The scientific activity is mainly interested in the theoretical aspects of restoration: survey, diagnostics, execution methods, architectural and archaeological heritage conservation work criteria.
The research effort, characterized by several conferences and seminars contributions, is focused on the following topics:
a) architectural and archaeological heritage study, protection and conservation; landscape study and protection;
b) survey with both traditional and advanced technologies and diagnostics applied to the study of architectural, archaeological and artistic artifacts structures and materials;
c) innovation and technology transfer from research and development industrial sectors to the field of cultural heritage protection.
In collaboration with physics, mechanical and aerospace engineering experts and with several companies (Konica Minolta Europe, Leica-geosystems, Bayer Sheet Europe, ABB Ricerche – Milan), he developed:
a) ‘intelligent’ systems design and realization with shape memory alloys for mural paintings, mosaics and sculptures protection and conservation;
b) application of multispectral and colorimetric investigations for monitoring and control of architectural surfaces cleaning processes and restoration (mural paintings, mosaics, stone walls and colorings);
c) application of rapid prototyping technologies that use digital models obtained through 3D survey to make chalk or synthetic material copies of sculptures and to simulate restoration interventions;
d) existing buildings energy assessment and experimental studies about the possible combined use of thermography, 3D laser scanning and Computational Fluid Dynamics (CFD).